Archivio per l'etichetta ‘Sindacato

Ora in Emilia spuntano i “furbetti” del Jobs Act   Leave a comment

*****

*****

La denuncia della Cgil: in due aziende licenziamenti fittizi e riassunzioni dopo sei mesi di contratti a termine per ottenere gli sgravi promessi dal governo

La Cgil, che ha segnalato i primi casi, li chiama “i furbetti del Jobs act”. Aziende che propongono ai propri dipendenti, anche a tempo indeterminato, di licenziarsi per essere assunti a tempo determinato per un po’ di settimane da un’altra azienda che lavora negli stessi cantieri, e tornare poi al tempo indeterminato d’origine, reso però a questo punto più interessante dagli sgravi fiscali assicurati dal Governo con la Legge di Stabilità, che valgono 8mila euro all’anno per tre anni.

“Vere distorsioni che a nostro avviso dovrebbero essere considerate come vere e proprie truffe ai danni dell’erario”, denuncia la Cgil dell’Emilia-Romagna, che segnalerà i casi di cui è a conoscenza all’Inps e alla Direzione territoriale del lavoro, per invitarli a intervenire. “Ma stiamo valutando anche una denuncia per truffa”, spiega Antonio Mattioli, del sindacato.

Il meccanismo, secondo la Cgil emiliana, sarebbe questo: le aziende, che nei casi specifici sono di Piacenza e Reggio Emilia e si occupano di logistica e facchinaggio, propongono ai lavoratori di licenziarsi, magari con un piccolo incentivo, per poi essere riassunti il giorno successivo da una nuova azienda, che lavora negli stessi cantieri e svolge le stesse attività. In questo caso però l’assunzione è con un contratto a termine di sei mesi – il termine minimo per assicurarsi gli sgravi – con l’impegno che al termine dei sei mesi verranno tutti assunti a tempo indeterminato. “Trascorso quel periodo le aziende, di solito tutte nuove – denuncia la Cgil – avranno ripulito i lavoratori e chiederanno di accedere ai famosi sgravi fiscali, senza aver creato alcuna nuova occupazione”.

I primi casi che verranno segnalati dal sindacato agli enti competenti, continua Mattioli, sono quelli del Consorzio Albatros di Piacenza e di Movimoda a Reggio Emilia, attiva nel facchinaggio nel comparto tessile. Quest’ultima, per mettere in pratica il meccanismo, ha costituito la società MMOperations srl. “Tutto ciò sta accadendo con la benedizione del nostro solerte presidente del Consiglio e del ministro del Lavoro, vista  l’enfasi con la quale stanno incensando il Jobs Act”, attacca la Cgil.

Del caso si è occupato anche Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria. “Il Jobs act non dovrebbe essere utilizzato in questo modo – ha detto intervenendo a un incontro a Ravenna –. Ho sempre pensato che dovrebbe andare nella direzione di contratti a tempo indeterminato con tutta una serie di flessibilità. Mi auguro che sia questo il punto di arrivo”.

di Marco Bettazzi
da bologna.repubblica.it
Sabato 13 Giugno 2015 
*****

Tutto come era prevedibile, che altro c’era da aspettarsi? Il Jobs Act, studiato ad arte solo per togliere diritti a chi lavora, non porterà a nuove assunzioni, come qualcuno continua a volerci far credere. Farà solo il gioco degli Imprenditori, anche quelli “furbetti” che utilizzano già ogni mezzo, anche non molto lecito, per continuare a fare sempre e solo i propri interessi. E’ sempre il denaro che fa girare il mondo, e queste politiche liberiste e di austerità che l’Europa porta avanti e che ci impone, arricchiranno sempre di più i ricchi e impoveriranno maggiormente chi povero lo è già, contribuendo a creare sempre di più nuovi poveri. Bravo Matteo, verremo a mangiare a casa tua eventualmente, siamo sicuri che lì non manca nulla!

*****

     

*****

Chi ha vinto le elezioni regionali è un solo partito: quello degli astenuti   4 comments

 *****

 *****

Landini: “Bisogna unire ciò che la politica ha diviso”

Chi ha vinto le ele­zioni regio­nali è un solo par­tito: quello degli aste­nuti. Il dato omo­ge­neo in tutte le regioni del 53,90% rispetto al 64,13% del 2010 è diven­tato un’occasione per riflet­tere sulla crisi della demo­cra­zia nell’incontro «Il diritto alla libertà, il dovere della libertà» orga­niz­zato ieri da Giu­sti­zia e Libertà alla città dell’altra eco­no­mia di Roma in occa­sione della festa della Repubblica.

Ste­fano Rodotà e Gustavo Zagre­bel­sky, San­dra Bon­santi e Paul Gin­sborg, oltre a stu­denti e docenti come Gio­vanni Coc­chi attivi nel movi­mento con­tro la «Buona Scuola» di Renzi e del Pd. «Milioni di per­sone che non votano, non fanno parte dell’anti-politica. Non si rico­no­scono nella poli­tica in quanto tale» ha detto il segre­ta­rio della Fiom Mau­ri­zio Lan­dini che sabato e dome­nica pros­simi par­te­ci­perà ai lavori della «coa­li­zione sociale» al cen­tro con­gressi Fren­tani. Un asten­sio­ni­smo di que­ste dimen­sioni è diven­tato negli anni della crisi la regola costi­tu­tiva della vita poli­tica in un paese dove la par­te­ci­pa­zione al voto è tra­di­zio­nal­mente alta. «È anche la dimo­stra­zione che c’è un paese che non è d’accordo con quello che sta avve­nendo». La tesi di Rodotà ha spinto ad un’analisi delle riforme del governo Renzi. La logica che ispira l’Italicum, come il Jobs Act, o il «super-preside» impo­sto dal Ddl scuola ora al Senato «è quella dell’uomo solo al comando». Un pro­cesso «impo­sto dalla let­tera della Bce al governo ita­liano nel 2011, Renzi non sta facendo nient’altro che que­sto» sostiene Lan­dini. Per con­tra­stare una mar­cia inar­re­sta­bile «biso­gna met­tere in piedi pro­cessi poli­tici che uni­fi­chino la società fram­men­tata tra appar­te­nenze iden­ti­ta­rie e un mondo di lavo­ra­tori in com­pe­ti­zione» ha aggiunto Landini.

In attesa che la «coa­li­zione sociale» prenda forma, e acqui­sti una sua fisio­no­mia, sul tavolo c’è l’ipotesi del refe­ren­dum con­tro il Jobs Act e un altro con­tro la riforma della scuola. Lan­dini sostiene un ritorno ad una con­trat­ta­zione sociale dif­fusa che parta dalla difesa, e dalla com­pleta appli­ca­zione dei con­tratti nazio­nali di lavoro, e si allar­ghi anche ad altre sfere del sociale.
Il punto di rife­ri­mento è lo Sta­tuto dei lavo­ra­tori da cui il governo Renzi ha can­cel­lato l’articolo 18 con il Jobs Act. «Quello sta­tuto impe­diva di essere licen­ziati senza giu­sta causa, vie­tava il con­trollo a distanza e il deman­sio­na­mento». Tutte norme intro­dotte invece da Renzi. «In nome della sua pre­sunta moder­nità — ha attac­cato Lan­dini — il Jobs Act non tutela tutte le per­sone, ma solo gli impren­di­tori, è un pas­sag­gio for­male che rove­scia i valori sostan­ziali della cittadinanza».

Alla coa­li­zione sociale Lan­dini non affida il ruolo guida di un par­tito, bensì di un vet­tore che riu­ni­fi­chi il lavoro, e le sue rap­pre­sen­tanze, così come le asso­cia­zioni sem­pre nume­rose e altret­tanto divise. L’obiettivo è rico­struire i «corpi inter­medi», oggetto dell’offensiva ren­ziana, e ripo­si­zio­narli in una società dove la rap­pre­sen­tanza è distrutta. Non più organi della media­zione buro­cra­tica ma della «demo­cra­zia diretta per difen­dere gli inte­ressi comuni».

Roberto Ciccarelli – Il Manifesto
Mercoledì 03 Giugno 2015

*****

          

*****