Archivio per l'etichetta ‘Referendum 5 Luglio

Alexis Tsipras: è la vittoria di tutto il popolo greco. E’ la vittoria della democrazia   3 comments

Ringrazio Alexis Tsipras per avermi aiutato a ritrovare la capacità di emozionarmi per un discorso politico, a ritrovare la speranza per un mondo più solidale, la fede nella democrazia. Ribloggo questo pezzo, la sera del 5 Luglio 2015 ho respirato aria di libertà.

Essere Sinistra

tvtsipras

Dopo la storica vittoria del NO di oggi 5 Luglio, la vittoria della maggioranza degli OXI che hanno impedito che le forze politiche ed economiche neoliberiste estromettessero Alexis Tsipras e il suo governo dal tavolo delle trattative (per sostituirlo con un governo malleabile e prono alle richieste della Germania), ecco il discorso di Alexis Tsipras al suo popolo.

E’ un discorso di unità e di speranza positiva. Perchè ora dalla sua parte c’è la volontà democratica. C’è la forza della maggioranza politica contro la finanza. Una nuova storia europea sta iniziando. Grazie al popolo greco e Alexis Tsipras.

La redazione

_____________________________________

Donne greche, greci.

Il referendum odierno non ha vincitori e vinti.
È una grande vittoria dell’intera Grecia.
Oggi, tutti insieme, abbiamo scritto una brillante pagina nella moderna storia europea.

Abbiamo dimostrato che anche in condizioni molto difficili la democrazia non puo’ esser minacciata e costituisce il valore fondamentale  e la…

View original post 609 altre parole

Il referendum sul divorzio   3 comments

No, vogliamo essere liberi. OXI !

Essere Sinistra

referendum-divorzio-no

di Massimo RIBAUDO

Sento quell’attesa lì. Come quando ero piccolo. E mio padre e mia madre aspettavano il NO. Perchè mio padre era divorziato e non si sono mai sposati con mia madre. E sono stati insieme trenta anni, fino alla morte di mio padre. Contro le regole imposte dalla morale cattolica, sempre.

Oggi c’è un altro nemico della libertà e della democrazia. Le regole imposte da chi si prostra al dio del mercato. Un dio falso, fatto di bilanci truccati, di business plan assurdi, di contratti capestro, di profitti senza alcun merito e capacità.  Di banche che ottengono dalle speculazioni il 20% immediato e dagli investimenti il 3%, ma duraturo negli anni. Quindi, speculano.

Un dio falso che ha come comandamento unico  il profitto generato da debiti impossibili da onorare, ma resi necessari dalle sue leggi, dai suoi codici mafiosi.

View original post 291 altre parole