Accademia di Stoccolma – 1997: “… dileggia il potere seguendo la tradizione dei giullari medioevali e restituendo la dignità agli oppressi”   20 comments

***

dariofo_0

***

Dario Fo – 13 Ottobre 2016

Inviato da Redazione il Gio, 10/13/2016 – 12:20

Milano, 13 ottobre 2016

Il Maestro Dario Fo si è spento oggi 13 ottobre 2016 presso l’Ospedale Luigi Sacco di Milano, dove era ricoverato da qualche giorno a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute.

Il nostro Paese e il mondo intero perdono oggi un artista che per tutta la vita si è battuto contro l’affermazione secondo cui “la cultura dominante è quella della classe dominante”. Attraverso la sua intera opera Dario Fo ha lavorato affinché le classi sociali che da secoli erano state costrette nell’ignoranza prendessero coscienza del fatto che è il popolo a essere depositario delle radici della propria cultura.

Per questo suo impegno nel 1997 gli è stato conferito il Premio Nobel per la Letteratura “perché, seguendo la tradizione dei giullari medioevali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi”.

Insieme all’adorata compagna Franca Rame ebbe il coraggio di allontanarsi dai circuiti teatrali ufficiali, che lui amava definire “teatro borghese”, per portare i loro spettacoli in luoghi non convenzionali come fabbriche occupate, piazze, case del popolo e carceri.

Quando si appassionava a una storia e a un personaggio per prima cosa conduceva un’inchiesta approfondita, per imparare lui stesso in modo da poter trasmettere agli altri. La sua figura si distingue in questo, Dario Fo non ha mai avuto bisogno dell’etichetta di “intellettuale”, perché l’idea di cultura per la quale si è battuto non è né accademica né elitaria. I suoi lavori nascono dalla cultura popolare per essere restituiti al popolo.

Il suo modo di concepire la narrazione non era mai limitato, ma si allargava a tutte le forme artistiche cui amava attingere. Nel momento in cui scriveva una storia all’istante la vedeva, vedeva i personaggi, i volti, le scene, e li raffigurava sulla tela, per poi portarli sul palco, trascinando il suo pubblico in una straordinaria scatola magica.

Tutta la Compagnia Teatrale e la famiglia ringraziano per l’affetto ricevuto in queste ore.

Fonte: http://www.dariofo.it/

***

 172723594-acbd4635-c837-4a33-955e-02c47e06e7f6

***

Maestro, la mia ammirazione, la mia stima, il mio grande rispetto
per il tuo “mestiere” e la tua vita.
Adesso, mi piace pensarti così … insieme a Franca!

***

Dario Fo e Franca Rame in Mistero Buffo

“Ho ottant’anni ma ne ho vissuti almeno centocinquanta. Se poi calcolo quelli di Franca, alla fine in due facciamo circa tre secoli. Un arco di tempo lunghissimo racchiuso in due sole vite, perché quegli anni sono stati tutti, non uno di meno, belli e intensi. I mesi duravano 60 giorni, i giorni 48 ore… Sì, di vite noi due messi insieme ne abbiamo vissute davvero tante.” (Dario Fo)

Da “Il mondo secondo Fo” di Dario Fo – Anno 2008
***

franca_rame_3

***

La mia commozione, il mio affetto, la mia vicinanza a Jacopo.

Ciao Dario, Buon Viaggio.

Chapeau!

***

Large_Red_Roses_PNG_Clipart

***

20 risposte a “Accademia di Stoccolma – 1997: “… dileggia il potere seguendo la tradizione dei giullari medioevali e restituendo la dignità agli oppressi”

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Un abbraccio Franca…

    Piace a 1 persona

  2. I suoi lavori nascono dalla cultura popolare per essere restituiti al popolo… Stupenda definizione…

    Piace a 1 persona

    • Sì, molto bella e vera. L’ha scritta Jacopo Fo! 😉

      Piace a 1 persona

      • Di Jacopo Fo non conosco molto, e dovrei aggiornarmi… Dario Fo e Franca Rame li ho seguiti molto negli anni ’70, da ragazzo, il teatro politico e sociale… le denunce, la satira vera, quella contro il potere cattivo, non quella che oggi spacciano per satira dando un colpo al cerchio ed un colpo alla botte, facendo quasi diventare simpatiche le figure tragiche e ignobili. Controcorrente e impegnati fino alla fine… ma tu sei stata loro allieva (perdona sia il tu che la curiosità)? Buona giornata…

        Piace a 1 persona

        • Ero anch’io ragazza negli anni ’70, perché dovrei perdonarti il tu? Potrei offendermi per un “lei”, il tu è un piacere e un onore. Condivido tutto ciò che dici di Dario e Franca e, in un certo senso, posso davvero chiamare Fo “Maestro”, di più non si può dire … Jacopo è una persona tutta da scoprire … Scusami se non mi dilungo, sto lentamente uscendo da lunghi mesi di grande sofferenza fisica e ho ancora difficoltà a scrivere, non tutti i giorni le mie dita funzionano … Buona giornata anche a te, per quello che ne resta … 🙂

          Piace a 1 persona

  3. Dario Fo era un genio, un colto giullare tra i folli. Una persona che sapeva e poteva parlare davanti ai re e ai popolani. Uno tra noi. Se n’e andato un grande. Bel post Marianne e… bentornata mia carissima e dolce amica 😍😘

    Piace a 1 persona

  4. molto bello questo omaggio a Dario e a Franca
    bellissime le foto scelte
    specie l’ultima in bn
    una vita insieme dedicata al teatro e all’impegno sociale
    grazie ❤

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: