Archivio per 16 febbraio 2016

Stadio – Un giorno mi dirai   Leave a comment

***

***

Un giorno mi dirai

di S. Grandi – G. Curreri – L. Chiaravalli – S. Grandi

Un giorno ti dirò
Che ho rinunciato alla mia felicità per te
E tu riderai, riderai, tu riderai di me
Un giorno ti dirò
Che ti volevo bene più di me
E tu riderai, riderai, tu riderai di me
E mi dirai che un padre
Non deve piangere mai
Non deve piangere mai
E mi dirai che un uomo
Deve sapere difendersi…
Un giorno ti dirò
Che ho rinunciato agli occhi suoi per te
E tu non capirai, e mi chiederai… «perché»?
E mi dirai che un padre
Non deve piangere mai
Non deve arrendersi mai
Tu mi dirai che un uomo
Deve sapere proteggersi…
Un giorno mi dirai
Che un uomo ti ha lasciata e che non sai
Più come fare a respirare, a continuare a vivere
Io ti dirò che un uomo
Può anche sbagliare lo sai
Si può sbagliare lo sai
Ma che se era vero amore
È stato meglio comunque viverlo
Ma tu non mi ascolterai
Già so che tu non mi capirai
E non mi crederai
Piangendo tu
Mi stringerai

***

taglioalta_001990-1024x640

***

Gli Stadio: «Abbiamo vinto cantando l’amore tra padri e figli»

di Eugenio Arcidiacono

Intervista a Gaetano Curreri, leader della band che ha vinto il Festival con la canzone “Un giorno mi dirai”, in cui un papà immagina di scrivere alla sua bambina diventata grande. Una ballata rock che ricorda quelle che Curreri ha scritto per Vasco Rossi: “Da quarant’anni è il mio migliore amico”.

Un emozionatissimo Gaetano Curreri ha rivelato che “Un giorno mi dirai”, la canzone con cui gli Stadio hanno trionfato a Sanremo, sia pure con un testo e un arrangiamento differenti, fu scartata l’anno scorso.
E invece ha sbaragliato la concorrenza dei favoriti Caccamo/Iurato la commovente lettera che un padre immagina di scrivere alla sua bambina per quando sarà grande e soffrirà le prime pene d’amore. «Il padre le dice di non rinunciare mai all’amore, anche se può essere fonte di grandi sofferenze. Sa che lei non lo capirà, ma lo abbraccerà lo stesso. Io non sono padre, ma ho molti amici che hanno vissuto storie simili», ci ha raccontato.
Non c’era miglior modo per celebrare i 50 anni di carriera come Patty Pravo e i Pooh. Ma se i Pooh alla fine del 2016 si scioglieranno, la band guidata da Gaetano Curreri è ancora in piena attività: «Sanremo rappresenta una bellissima vetrina per far conoscere la nostra musica, forse l’ultima rimasta in Tv per artisti come noi con una storia alle spalle», dice il cantante. «L’alternativa sarebbe fare comparsate in programmi per cuochi o dove sei costretto a fare il “simpatico”. Non ci va».

La canzone descrive un genitore che ammette le sue fragilità. «Sono cresciuto con un modello di padre che stava sempre in cima a una piramide, pronto a giudicarti. Adesso, vedo all’opposto genitori che danno pacche sulle spalle ai figli per sentirsi giovani come loro. Per fortuna ci sono anche padri come quello della canzone, figure autorevoli, ma che sanno ammettere le proprie debolezze, perché solo così possono capire quelle dei figli».

Un giorno mi dirai è contenuta in Miss Nostalgia, il nuovo album degli Stadio che è uscito il 12 febbraio. «Quando ho iniziato a scriverlo», continua Curreri, «ho ripensato a una canzone che avevo scritto con Lucio Dalla nel 1983 e che iniziava così: “Noi come voi, aspettando che il sole smonti, diciamo guarda che bei tramonti”. Io aspetto sempre che arrivi la sera per ammirare il tramonto. È il momento più importante della giornata perché sento il mio animo riempirsi di speranza, la speranza che il domani sarà migliore ». Mentre la nostalgia che dà il titolo all’album «per me significa ripensare alle cose belle che mi sono successe, ma senza rimpianti. Un mio amico dice sempre: “Che belli quei tempi! Ma sono bellini anche questi…”».
C’è un ricordo di cui il cantante ha particolare nostalgia: «Quando sono entrato per la prima volta a Punto Radio, la radio che Vasco Rossi aveva fondato a Zocca. Sentivo quello che poi si è avverato: che insieme avremmo fatto grandi cose. Ricordo la prima volta in cui lui mi fece ascoltare con la chitarra Albachiara. Io avevo un pianoforte in affitto e con quello ho composto l’introduzione della canzone. Poi mia mamma me l’ha comprato e ce l’ho ancora a casa».

Da quarant’anni Vasco è il suo migliore amico: «Ci completiamo a vicenda: a me basta passare un pomeriggio con lui per caricarmi di un’energia che poi mi dura per una settimana; mentre lui stando con me si tranquillizza, ricupera un po’ di calma interiore. Lui ha una vera passione per la filosofia. Di recente ha letto tutti i libri della Ricerca del tempo perduto di Proust. Mi fa delle vere lezioni in cui riesce a spiegarmi con parole semplici concetti complicatissimi».

Tra le tante canzoni che hanno scritto insieme, Vasco il testo e Curreri la musica, la più bella forse è Un senso, dove lui canta: «Voglio trovare un senso a questa vita, anche se questa vita un senso non ce l’ha». Da credente, Curreri racconta che «ci siamo sfidati su quel testo e alla fine ci siamo trovati d’accordo. Io sono cresciuto con la fede cattolica che mi ha trasmesso mia madre, ho frequentato l’oratorio e sono rimasto ancorato a tutto questo. Anche Vasco ha avuto un percorso simile, solo che lui è molto più critico di me. Nella fede come in tutto il resto è uno che ama scompaginare le cose. Ma penso che entrambi, pur da posizioni diverse, siamo, come di recente ha detto papa Francesco a proposito dei re Magi, uomini alla ricerca di Dio».

Fonte: famigliacristiana.it
14 Febbraio 2016

wpe823a40f     himna note     wpe823a40f     himna note     wpe823a40f

***

Il passaggio dall’infanzia all’età adulta marchiato con il sangue   2 comments

***

female-genital-mutilation-fgm
Nella foto in alto una donna mostra una lametta che viene utilizzata per praticare i riti d’iniziazione che provocano le Mgf.
A Mombasa, Kenya, giugno 2015. (Fonte: Time/Ivan Lieman – Barcroft Media).

***

Donne ferite per sempre

Rapporto Unicef sulle Mgf

di Viky Charo (dal Kenya)

La mutilazione genitale femminile è una pratica ancora molto diffusa nel mondo e soprattutto nel continente africano. Sono almeno 200 milioni le donne e bambine che le hanno subite in 30 paesi di Asia e Africa. Alcune nazioni africane stanno facendo passi avanti, ma l’eliminazione di questo sopruso resta lontana.

Nel mondo, attualmente, almeno 200 milioni di donne di ogni età sono state sottoposte alla mutilazione genitale femminile (mgf) in 30 diversi paesi del mondo. Oltre la metà di loro vive in tre paesi: Indonesia, Etiopia ed Egitto. Il paese asiatico registra il record negativo, con più di 60 milioni di donne mutilate. I dati provengono da un rapporto dell’Unicef – Female genital mutilation/cutting: a global concern – pubblicato il 6 febbraio scorso, Giornata internazionale Onu per la tolleranza zero alle mgf.

Nonostante la concentrazione in questi tre paesi, questa pratica è ormai diffusa in varie parti del mondo – tra cui anche Europa, Australia, Nord e Sud America -, anche se l’Africa rimane il bacino maggiore. Il 44% delle donne sottoposte ad amputazione genitale, ha un’età che va da poche settimane a 14 anni e si concentra in Gambia (56%), Mauritania (54%) e Indonesia, dove circa la metà delle ragazzine sotto gli 11 anni ha subito la mgf. Sempre secondo i dati forniti dal rapporto, i paesi in cui è prevalente in donne tra i 15 e i 49 anni sono, invece, Somalia (98%), Guinea (97%) e Djibuti (93%).

Segnali positivi si registrano, invece, in nazioni che hanno cominciato a lottare contro questa consuetudine: negli ultimi 30 anni la mgf su ragazze tra i 15 e i 19 anni è diminuita del 41% in Liberia, del 31% in Burkina Faso, del 30% in Kenya e del 27% in Egitto. Questo grazie a campagne di sensibilizzazione, monitoraggio e leggi che criminalizzano la circoncisione femminile.

Dal 2008, oltre 15.000 comunità distribuite in 20 paesi, ne hanno annunciato ufficialmente l’abbandono, spinti anche da un aumento della disapprovazione popolare, in particolare tra i giovani uomini. In Ghana dal dicembre scorso, chi opera la mgf rischia fino a tre anni di carcere e in Kenya esiste anche una rete di apparati governativi e non che si occupa di prevenire, sostenere le vittime e denunciare gli artefici.

Rispetto a trent’anni fa, una femmina ha oggi il 33% di possibilità in meno di essere mutilata, ma l’eliminazione totale di questo abuso entro il 2030 (in base ai nuovi Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu), appare ancora una meta lontana. “Se l’incremento della popolazione continuerà con i ritmi attuali – evidenzia il rapporto – il numero di ragazze e donne che subiranno la mgf è destinato ad aumentare in modo significativo nei prossimi 15 anni. Tutti noi, governi, operatori sanitari, leader di comunità, genitori e famiglie, dobbiamo accelerare gli sforzi per eliminarla”.

***

fgm
Giovani ragazze kenyane

***

Una guerra, questa, che mette in prima linea i governi, responsabili della raccolta e della pubblicazione di statistiche nazionali, tassello fondamentale per conoscere l’entità del problema e combatterlo a livello locale. Ma, finora, evidenzia Unicef, sono solo 30 i governi che hanno dato piena adesione a questo progetto.

Fonte: nigrizia.it
Martedì 09 Febbraio 2016

img_0572

***

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha classificato le mutilazioni in 4 tipi differenti, a seconda della gravità degli effetti:

1.Circoncisione (o infibulazione al-sunna): è l’asportazione della punta della clitoride, con fuoriuscita di sette gocce di sangue simboliche;
2.Escissione del clitoride al-wasat: asportazione della clitoride e taglio totale o parziale delle piccole labbra;
3.Infibulazione (o circoncisione faraonica o sudanese): asportazione della clitoride, delle piccole labbra, di parte delle grandi labbra vaginali con cauterizzazione, cui segue la cucitura della vulva, lasciando aperto solo un foro per permettere la fuoriuscita dell’urina e del sangue mestruale;
4.Il quarto gruppo comprende una serie di interventi di varia natura sui genitali femminili.

Queste pratiche sono eseguite in età differenti a seconda della tradizione: per esempio in Somalia si praticano sulle bambine, in Uganda sulle adolescenti, mentre in Nigeria veniva praticato sulle neonate.

Tutte queste mutilazioni ledono gravemente sia la vita sessuale sia la salute delle donne, ed è a tutela di queste ultime che si adoperano i movimenti per l’emancipazione femminile, soprattutto in Africa.

Le mutilazioni genitali femminili hanno gravissime conseguenze sul piano psicofisico, sia immediate (con il rischio di emorragie a volte mortali, infezioni, shock), sia a lungo termine (cisti, difficoltà nei rapporti sessuali, rischio di morte nel parto sia per la madre sia per il nascituro).

Effetti dell’infibulazione

I rapporti sessuali, attraverso questa pratica, vengono impossibilitati fino alla defibulazione (cioè alla scucitura della vulva), che in queste culture, viene effettuata direttamente dallo sposo prima della consumazione del matrimonio. Le puerpere, le vedove e le donne divorziate sono sottoposte a reinfibulazione con lo scopo di ripristinare la situazione prematrimoniale di purezza. I rapporti diventano dolorosi e difficoltosi, spesso insorgono cistiti, ritenzione urinaria e infezioni vaginali. L’asportazione totale o parziale degli organi genitali femminili esterni è praticata con lo scopo di impedire alla donna di conoscere l’orgasmo derivante dalla stimolazione del clitoride, riservandolo al solo atto sessuale.

Ulteriori danni si hanno al momento del parto: il bambino deve attraversare una massa di tessuto cicatriziale e reso poco elastico a causa delle mutilazioni; in quel momento il feto non è più ossigenato dalla placenta e il protrarsi della nascita toglie ossigeno al cervello, rischiando di causare danni neurologici. Nei paesi in cui è praticata l’infibulazione, inoltre, è frequente la rottura dell’utero durante il parto, con conseguente morte della madre e del bambino.

Non trovo parole per esprimere il mio profondo disgusto per queste pratiche criminali.
Non aggiungo nulla … Mi sembra che il tutto si commenti da solo …

 ***

lilies-olddesignshop

***