Storie Perdute – Luglio 2015   12 comments

*****

*****

Centomila passi nel mare

di Mauro Armanino

Tale è il numero stimato di migranti che attraverseranno il Niger quest’anno. Le cifre sono banali come lo sono la sabbia del deserto e le onde del mare. Si declinano per impaurire, per semplice conoscenza accademica o per interesse. Fatto sta che loro passano, cercano, circondano, abbracciano e a volte trovano scogliere come approdo. Scogli numerati come patrimonio turistico migrante. Scogli come riassunto di civiltà di confine di stato.

Ad ognuno il suo scoglio. Centomila scogli da sistemare per chi sbarca dal mare di sabbia. Lo stesso numero delle “gavette di ghiaccio” del libro di Giulio Bedeschi: rifiutato da sedici editori prima di essere pubblicato. Centomila passi senza sentieri. I campi di concentramento funzionavano bene sotto Gheddafi ed erano merce di scambio coi vari governi del popolo italiano. Nel secolo delle migrazioni erano 50 milioni gli europei a migrare. 28 milioni di essi, oltre la metà, italiani. Che mai faremmo senza i campi. Di permanenza e di transito e di identificazione e di espulsione e soprattutto di detenzione e in realtà di eliminazione. E allora per i centomila passi si preparano i campi “polivalenti” nel Niger.

Polivalenti nel senso che faranno vivere molti, a cominciare dalle autorità nigerine. E poi le agenzie umanitarie onusiane o assimilate. Soprattutto chi si occupa di migranti. Contribuiscono a far crescere il Prodotto interno lordo. Per le agenzie di sicurezza esterna e interna dell’Europa che ha inventato i diritti umani a piacimento variabile.

La Croce Rossa è nata subito dopo le battaglie. I campi di concentramento hanno invece un lungo e tragico percorso. Sono stati esportati in Africa durante la colonizzazione come per preparare ciò che sarebbe accaduto dopo. Gli inglesi in Africa del Sud inventarono i campi di prigionia per i boeri che hanno osato sfidare l’ordine costituito. Fin dal 1900. gli esperimenti presero corpo africano. Soprattutto i tedeschi nello Zambia, che li inventarono come luoghi di sterminio.

Il nome stesso, campo di concentramento, è creato per l’Africa. Era il 14 gennaio del 1905. Il filo spinato e il lavoro che rende liberi diventa realtà in quegli anni. Per fortuna che oggi, nel 2015, c’è l’eritreo Daniel Teklehaimanot a vestire, primo africano, la maglia a pallini del miglior scalatore al Tour de France. Tutti sanno che un lungo cammino inizia con un piccolo scoglio.

Di migrazione si muore e si transita e, soprattutto, si prospera. I capitali per esempio, che vengono investiti per arrivare e quelli persi per difendersi dall’arrivo. Una quantità di miliardi di euro quasi equivalente. La filiera è come ben la scrive Bauman nelle sue riflessioni sulla modernità. Frontiere «liquide» che si adattano alle circostanze e gli interessi di tutti. I “passeurs”, la polizia di confine, i trasportatori, i gestori dei ghetti, i ministeri interessati, le agenzie umanitarie, le ong che sensibilizzano i migranti sui pericoli del viaggio e persino i pastori delle chiese protestanti che prendono Dio come garante dell’arrivo.

Seguono infine i giornalisti e i produttori di studi sulle dinamiche migratorie del Sahel. A ognuno la sua parte, senza parlare di Allah che col suo profeta fa digiunare in attesa del rimpatrio celeste con acqua fresca e piacevole compagnia al femminile. Per i centomila scogli ci pensiamo noi. Naturali o artefatti non cambiano il prodotto finale. Sopra troveranno nomi scritti o disegnati dalla salsedine oppure migrati per convenienza altrove. Testimoni silenziose, le onde contano i passi abbandonati nel vento.

Fonte: nigrizia.it
Lunedì 13 Luglio 2015

*****

     

*****

Annunci

12 risposte a “Storie Perdute – Luglio 2015

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Emblematico di come le scelte economiche degli stati finiscano per creare
    economia sommersa e crimine,da degli eventi naturali, come quell’esodo che si sviluppa dalle zone di guerra e povertà, verso luoghi considerati di salvezza è speranza. Proprio come direbbero gli yankees: business as usual
    Un bacio di brezza soave…

    Piace a 1 persona

  2. un dramma destinato a crescere, ad ampliarsi ad altri stati africani…Africa addio, aai che è un tema che mi sta particolarmente a cuore
    Ed è già cominciato da anni , in pratica ai tempi della guerra del Vietnam, l’esodo dagli stati asiatici, che per ora ci interessa di meno…tutto questo a cosa porterà? Ad una guerra totale Nord ricco- Sud povero? Forse…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: