Archivio per giugno 2015

“L’ultimo giorno di sole”   8 comments

*****

*****

«Giorgio mi tiene per mano da lassù»

di Eugenio Arcidiacono

Il 4 luglio l’attrice astigiana porta in scena “L’ultimo giorno di sole”, lo spettacolo scritto per lei con cui Faletti ha chiuso la sua carriera e la sua vita. «Lo sento qui accanto a me in ogni momento»

*****

*****

Chiara Buratti sorride, mentre Giorgio Faletti è impegnato ai fornelli. «Quella foto è stata scattata nella sua casa all’isola d’Elba, dove lui mi aveva invitata per provare lo spettacolo», racconta l’attrice, cantante e conduttrice televisiva. «Ricordo che non ho praticamente visto il mare perché siamo rimasti quasi sempre chiusi a lavorare. La foto lo ritrae mentre tenta un esperimento: cucinare degli spaghetti con cacao e tè al bergamotto. L’esperimento riuscì perché erano buonissimi, ma lui, da perfezionista qual era, non ne era del tutto soddisfatto». Al sorriso suscitato dal tenero ricordo si uniscono gli occhi che a stento trattengono le lacrime. «Non riesco a parlare di lui senza emozionarmi».

Il 4 luglio di un anno fa ci lasciava Giorgio Faletti. Per ricordarlo, proprio quel giorno nella sua Asti, al Teatro Alfieri, debutterà “L’ultimo giorno di sole”, lo spettacolo che lo scrittore scrisse, come un abito su misura per la sua amica Buratti. «Anch’io vivo ad Asti, che è una città piccola, dove ci si conosce tutti. Era facile incontrare Giorgio al mattino al mercato, dove faceva la spesa. Una volta lo invitai a un mio spettacolo. Alla fine si presentò in camerino e mi disse: “Ma perché non ho mai scritto niente per te?”. “Che bello, allora scrivi!”, gli risposi io. “Ma io ho già tutto nella testa”, replicò. Ed era davvero così».

“L’ultimo giorno di sole”, già uscito in Cd, racconta, alternando canzoni e monologhi, l’ultimo giorno prima della fine del mondo di una donna che riflette sul suo passato. «Giorgio aveva una forte componente femminile nella sua personalità: la sensibilità, l’introspezione, la delicatezza facevano parte di lui. Ma a differenza di altri uomini non le nascondeva».

Non si tratta affatto di uno spettacolo triste, perché Faletti «era un artista che giocava molto con i contrasti: corteggiava la malinconia per arrivare alla risata e nella morte vedeva la vita». La canzone “L’ultimo giorno di sole”, in particolare, si chiude con questi versi: “Si nasce, si cresce, si riesce, si giura, si nega. E infine impauriti per quello che è stato si prega”.

«Giorgio aveva già affrontato questi temi nella canzone “L’assurdo mestiere” che presentò a Sanremo nel 1995», spiega l’attrice. «Era una chiacchierata con Dio in cui si rivolgeva a Lui così: “Mentre decidi se sono buono o son cattivo, fa che la morte mi trovi vivo”. Aveva un rapporto molto particolare con Dio, cercava di ridurre le distanze, di sentirlo come un amico».

Fa effetto sentire queste parole sapendo ciò che è successo dopo che furono scritte. «Giorgio mi consegnò il testo la vigilia di Natale del 2013 e tre settimane dopo scoprì di avere un tumore. Io non credo che sia stato un caso. Tanto più che questa serenità verso la morte lui l’ha mantenuta davvero nei mesi successivi. Andò a curarsi negli Stati Uniti accompagnato da Roberta, sua moglie. Io li raggiunsi per qualche giorno in aprile. Mi portavano in giro per Los Angeles. Ogni tanto io e Roberta ci mettevamo a chiacchierare e lui, che arrancava un po’, ci richiamava: “Scusate, potete aspettarmi? Io avrei anche un tumore…”».

Faletti ha continuato a lavorare allo spettacolo fino alla fine: «L’ho visto l’ultima volta quando decise di tornare in Italia. In quel periodo stavo incidendo le canzoni a Milano. Lui non riusciva quasi più a muoversi però mi telefonava e mi diceva: “Domani vengo lì per vedere come va”».

Lo spettacolo si conclude con “Confessioni di un pianoforte”, in cui alla fine possiamo sentire per l’ultima volta Faletti cantare: «Ho suonato inseguendo l’estate e sfuggendo l’autunno e il suo vento. Come fosse il silenzio parola ed il suono un commento. Come fosse la musica un sogno e io il suo strumento».

«Credo che la musica sia stata il suo amore più grande», aggiunge la Buratti. «Non l’ho mai visto scrivere romanzi, ma solo comporre canzoni. Gli piaceva di più la musica forse perché era l’attività per cui era meno noto e lui amava tantissimo le sfide».

Per questo spettacolo Faletti avrebbe dovuto curare la regia. Chiediamo all’attrice se il 4 luglio gli sembrerà di vederlo seduto da qualche parte. «Io sento Giorgio sempre accanto a me. Stamattina stavo lavorando con Fausto Brizzi, mentre il computer diffondeva le canzoni. A un certo punto, senza una spiegazione, continuava a partire “L’ultimo giorno di sole”. Come un flash, mi è subito tornata alla mente una cosa che mi aveva raccontato Giorgio. Mentre componeva “Compagna di viaggio”, una canzone che ha inciso Mina, si bloccava sempre su un accordo. Mi disse: “Quando capita così, vuol dire che c’è qualcosa che non va”. Credo che stamattina Giorgio abbia voluto farmi sapere che anche da lassù lui mi segue e mi tiene per mano».

Fonte: famigliacristiana.it
Martedì 30 Giugno 2015 
*****
Annunci

La fatica quotidiana … il dolore …   4 comments

*****

Scena da “Nemiche amiche” (Stepmom), film del 1998, diretto da Chris Colunbus, con Julia Roberts e Susan Sarandon
*****

Ogni mattina il mio stelo 

di Alda Merini
*****

 Ogni mattina il mio stelo

vorrebbe levarsi nel vento

soffiato ebrietudine di vita,

ma qualcosa lo tiene a terra,

una lunga pesante catena d’angoscia

che non si dissolve.

Allora mi alzo dal letto

e cerco un riquadro di vento

e trovo uno scacco di sole

entro il quale poggio i piedi nudi.

Di questa grazia segreta

dopo non avrò memoria

perché la malattia ha un senso

una dismisura, un passo,

anche la malattia è matrice di vita.

Ecco, sto qui in ginocchio

aspettando che un angelo mi sfiori

leggermente con grazia,

e intanto accarezzo i miei piedi pallidi

con le dita vogliose d’amore.

*****

                    

*****

Pubblicato 30 giugno 2015 da mariannecraven in Poesia

Taggato con , , , , , , ,

TSIPRAS, QUESTO È UN UOMO, QUESTO È UN LEADER   Leave a comment

Pubblicato 29 giugno 2015 da mariannecraven in Politica, Società

Taggato con , , , ,

Sono stata nominata …   1 comment

*****

      

*****

I miei amici Vicki e Giovanni dei blogs

http://tramineraromatico.wordpress.com/

http://vinvivendo.wordpress.com/

mi hanno nominato entrambi per lo stesso gioco

       ICE CREAM – BOOK, il gioco dei Tag      

*****

Li ringrazio tantissimo, mi sento onorata per essere stata scelta, però chiedo scusa ad entrambi … infrango le regole del gioco. Finora sono stata a casa per qualche problemino di salute, ma domani riprendo il mio lavoro e il tempo, purtroppo, diventerà limitatissimo, sarò poco anche nel mio blog, con grande dispiacere, perché mi ero abituata a relazionarmi ogni giorno con i miei vecchi e nuovi amici. Cercherò di seguirvi tutti la sera, anche se a volte crollo per la stanchezza.

Sappiate, comunque, che adoro i libri
e il gelato, purché … entrambi senza zucchero!
Slurp!      

*****

Spero mi perdonerete, un bacione a tutti e due!

Marianne

*****

Pubblicato 28 giugno 2015 da mariannecraven in Giochi e Passatempi

Taggato con , , , ,

“Difendiamo i nostri granai”   3 comments

*****

Filastrocca dei tagliatori di sogni

di Bruno Tognolini

E voi tagliate
Togliete biblioteche
Per fare più patate
Potate tutti i fiori
Per far posto alle banche
Le torri dei guadagni
In queste terre stanche
State tirando giù i fari dei sogni

Ma è una pazzia
La vostra economia
Per essere salvata
Dev’essere un’economia sognata
E gli unici
Magici
Medici
Che dagli errori tragici
Ci tireranno fuori
Sono futuri economisti sognatori

Ma niente
Voi tagliate
Togliete a muso duro
I sogni sotto i piedi
E i piedi del futuro

Scritta per la manifestazione “Difendiamo i nostri granai”,
in difesa di biblioteche pubbliche, musei e siti archeologici della Sardegna, giugno 2012.
Pubblicata nel libro “Rime raminghe”, Salani Editore 2013
*****

                  

*****

Fotografia alla triennale   1 comment

*****

*****

Deo Gratias

di Andrea Pertegato

Il 24 luglio si inaugura alla Triennale di Milano la mostra fotografica “Deo Gratias” riguardante progetti sostenuti da Coop Lombardia in collaborazione con associazioni della società civile, di donne in particolare, in Burkina Faso nell’ambito agricolo, dell’artigianato e dell’alfabetizzazione.

Deo Gratias è un lavoro fotografico che racconta i progetti di cooperazione di una piccola associazione, Donne per le Donne, che da molti anni opera in Burkina Faso.

L’associazione è sostenuta da Coop Lombardia che da sempre dimostra attenzione verso tematiche sociali e ambientali, selezionando i prodotti, soprattutto quelli a marchio, da distribuire all’interno della propria rete di vendita. «In particolare, attraverso gli articoli Solidal sosteniamo il commercio di piccole produzioni realizzate nei paesi in via di sviluppo – ci spiega il direttore delle politiche sociali Alfredo De Bellis – il che significa aiutare concretamente le comunità. In Africa tutto nasce per caso nel 1990 grazie a un incontro fortunato tra uno studente burkinabè, la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Milano e la nostra cooperativa. Il primo progetto è di agro-ecologia e il motto è produrre senza distruggere. Bisognava trovare il modo di contrastare l’avanzamento del deserto e far dialogare due culture diverse, perfezionando la tecnica, ma tenendo ben presente quelle che erano le conoscenze, le idee e i metodi di lavoro tradizionali. E da allora, in collaborazione con i gruppi di villaggio, raggruppamenti pre-cooperativi con finalità di sostegno alle attività locali, sono stati avviati moltissimi progetti che dall’agricoltura si sono estesi anche ad altri ambiti e che coinvolgono soprattutto le donne. È, infatti, proprio intorno a loro che ruota l’economia familiare e il progetto fotografico di Silvia Amodio».

«Orgoglio e determinazione ci hanno accomunato in questo percorso fatto di piccoli passi e di piccole somme, ma di tanto reciproco rispetto e voglia di condivisione –  spiega Daniela Faiferri, presidente dell’associazione – . Questa, infatti, è stata la sostanza del nostro rapporto: conoscere, cercare di capire, valutare insieme quali potevano essere le esigenze dei gruppi femminili dei villaggi da sostenere. Siamo partiti con l’acquisto di carriole e di biciclette per trasportare l’acqua e la merce al mercato, poi abbiamo introdotto il sostegno all’alfabetizzazione per i bambini dei villaggi, affinché la scuola fosse accessibile a tutti. Abbiamo anche organizzato corsi di formazione per avviare piccole attività artigianali che permettono alle donne di avere un’autonomia finanziaria, modesta, ma comunque significativa per il loro percorso di emancipazione. E per evitare il disagio di non riuscire a capire se il prezzo a cui stanno vendendo i loro prodotti artigianali è giusto, sono stati attivati corsi di alfabetizzazione per donne adulte». Ricordiamo, infatti, che il Burkina Faso è il terzo paese più povero al mondo e quello con il più alto tasso di analfabetismo, con un’aspettativa di vita che non supera i 50 anni. Eppure qui si respira aria di cultura e di tradizioni, il paese accoglie un importante festival internazionale del cinema, compagnie teatrali e importanti eventi musicali, oltre al Tour du Faso, la famosa gara di ciclismo dove anche Coppi partecipò nel 1959 contraendo la malaria, a causa della quali morì. Un’eredità culturale lasciata da un leader carismatico Thomas Sankarà, al quale Nigrizia ha dedicato molta attenzione.

Il titolo della mostra Deo Gratias, che letteralmente nella lingua latina significa grazie a Dio è stato preso in prestito dal nome dello studio fotografico che Bruce Vanderpuije ha aperto in Ghana nel 1922. Quando va bene in Burkina si mangia una sola volta al giorno. Questa espressione riassume lo spirito delle persone che vivono in un paese così povero dove non resta che affidare il proprio destino al Signore.

Fonte: nigrizia.it
Martedì 23 Giugno 2015
                            
*****

Un messaggio di dignità al mondo. La scelta di Alexis Tsipras   1 comment

Essere Sinistra

All’una di questa notte, Alexis Tsipras, ha diramato questo messaggio di cui presentiamo la traduzione in italiano circolante in rete. 

E’ per noi la voce più alta e nobile sinora ascoltata in risposta alle folli richieste del Fondo Monetario Internazionale e le Isttuzioni europee. E vogliamo che tutti i nostri lettori ne comprendano il senso. Il senso della libertà e della democrazia. Che rinasce dalla Grecia.

La Redazione

______________________________________________________

«Amici greci,
da sei mesi il governo greco combatte una battaglia in condizioni di soffocamento economico senza precedenti, per implementare il mandato che ci avete dato il 25 gennaio.
Il mandato che stavamo negoziando coi nostri partner chiedeva di mettere fine all’austerità e permettere alla prosperità ed alla giustizia sociale di tornare nel nostro paese.
Era un mandato per un accordo sostenibile che rispettasse la democrazia e le regoli comuni europee, per condurre all’uscita finale dalla crisi.

Durante questo periodo di…

View original post 652 altre parole